SU L’UMANO SENTIRE (Cap.6 ) Souvenir di Chiasso. Ricordo di Chiasso

Su l’Umano sentire (Cap.6 ) 
INSTALLAZIONE TEATRALE PER VIDEO E PAROLE
Un unico libro per più capitoli
“Souvenir di Chiasso. Ricordo di Chiasso”
“Contemporary wunderkammer”

Necessario ricreare il passato attraverso il ricordo sperando di essere abbastanza obiettivi da scrollarselo poi di dosso. (Louise Bourgeois)

Chiasso si aggiunge alle città che hanno scelto di aderire al progetto, e diventerà il set di una memoria pronta a ri-scriversi con i racconti dei cittadini  partecipanti .

Souvenir di Chiasso. Ricordo di Chiasso è il sesto capitolo (dedicato a Chiasso). Svela il desiderio di far parte della comunità, di esserne riconosciuti, di assumere con l’empatia dei racconti l’appartenenza al gruppo. Non è solo un tema filosofico, ma conduce al tema della memoria, il piacere dell’essere umano a non essere dimenticato, la ricerca di un’eternità.

 Una ricostruzione della città attraverso le memorie delle persone. Una mappatura di Chiasso attraverso i sentimenti. Una narrazione per trovare-ritrovare una  parte di sé e della città di Chiasso attraverso le memorie e gli sguardi degli altri.
Di chi ha visto Chiasso cambiare e trasformarsi, una memoria per non dimenticare, una nuova maniera di ricreare la collettività “abitando” i ricordi di altri e facendoli diventare le proprie memorie.

 Souvenir di Chiasso. Ricordo di Chiasso, per raccontare a chi c’era e a chi non c’era. Per ricomporre un percorso personale attraverso la memoria collettiva.

Un invito alla condivisione. Unendosi alla comunità, attraverso “storie di vita”, a volte dal sapore vagamente nostalgico, altre surreale o cinico, la storia si replica e si perpetua.
I frammenti ci aiutano a ricostruire, come se fosse un grande disegno dove unire i puntini, la nostra personale storia e una collettiva narrazione delle esperienze, che accomunano l’umano in relazione alla città, dove questa vita si è mossa e si muove, transita, nasce e muore e resta nei reperti che conserviamo e nei dettagli che ricordiamo e qui condividiamo.

Ricollegarsi con il passato. Recuperare racconti e ricordi – e falsi ricordi – collegati ai suoni, alle immagini, agli odori che abbiamo memorizzato, che ci fanno ricostruire una personale narrazione delle esperienze e della città, dove questa vita si muove, transita, nasce e muore.

Souvenir di … Ricordo di… nasce dalla constatazione, con rimandi autobiografici, del percorso aritmico della memoria. Un percorso frammentato, fatto di reperti e souvenir, feticci, sogni, pezzi staccati della storia personale e altrui nell’intento di ricostruire un ipotetico nucleo famigliare armonico.

Siamo ciò che ricordiamo d’essere stati, siamo la coerenza e la relazione dei nostri ricordi con i luoghi, memoria come bene fragile, deperibile. Nel ricordo il ‘morto’ parla ancora, nel ricordo c’è l’eternità, la presenza. Dimenticare è un attentato alle radici, all’identità, pregiudica il senso di comunità, la capacità di fare storia.

La memoria diventa resistenza, sana la censura della morte.

Contemporary wunderkammer

A Chiasso il progetto Souvenirsi arricchisce  con la realizzazione in progress, durante i mesi in cui “occuperemo” lo spazio di via Volta, di Contemporary wunderkammer.

Wunderkammer, in italiano camera delle meraviglie o gabinetto delle curiosità o delle meraviglie, è un’espressione usata per indicare particolari ambienti in cui, dal XVI secolo al XVIII secolo i collezionisti erano soliti conservare raccolte di oggetti straordinari per le loro caratteristiche intrinseche ed estrinseche.

Così Contemporay Wunderkammer,  attraverso il lavoro di ricerca e interviste, in questo caso audio, raccoglierà testimonianze, legate a Chiasso e ai suio cittadini.  Verrà realizzato un progetto espositivo dove memorie, ricordi e suggestioni prenderanno forma di oggetti con un forte valore simbolico e metafisico.
Contemporay wunderkammmer si presenterà come un’esposizione in teche espositive stile ottocentesco appositamente pensate per Chiasso.
Alle vetrine verrà associato un audio wifi, una sorta di audioguida agli oggetti risultato di un montaggio suggestivo delle interviste realizzate.

Un’installazione museale con accesso audioguida in cuffia.

Creazione Officina Orsi
Concetto e direzione Rubidori Manshaf
Collaborazione aristica Paola Tripoli
Video green screen dei testimoni Fabio Cinicola
Video editing Rubidori Manshaft
Testi Roberta Puddu
Produzione: Officina Orsi /Frequenze – Comune di Chiasso
Organizzazione  Frequenze/Elisa Volonterio
In collaborazione Teche RSI
Grazie Cinema Teatro di Chiasso per l’ospitalità

FOTO

FOTO
Contemporary wunderkammer